Menu

ARCHIVIO

Un asteroide dietro l’angolo

illustrazione di un asteroide (primo piano) in avvicinamento alla Terra (in secondo piano).

Illustrazione di un asteroide in avvicinamento alla Terra. Immagine: ESA/ D.Durda-FIAAA

Il 15 febbraio 2013 un asteroide grande quanto mezzo campo da calcio sfiorerà la Terra, passando a circa 30000 chilometri dalla superficie del nostro pianeta, meno di un decimo della distanza che ci separa dalla Luna.

L’asteroide è stato scoperto all’inizio dell’anno scorso dall’osservatorio spagnolo di La Sagra, si chiama 2012 DA 14 ed è uno dei moltissimi corpi minori che popolano il Sistema Solare. Non ci sono pericoli di collisione, ma l’evento merita comunque l’attenzione degli scienziati.

Asteroidi in avvicinamento: un fenomeno ricorrente

Don Yeomans, scienziato del Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL), spiega che da quando si è cominciato a monitorare regolarmente oggetti come questo, a partire dagli anni ’90, non si è mai registrato un passaggio così ravvicinato di un corpo di tali dimensioni.

Illustrazione della fascia principale degli asteroidi, tra Marte e Giove.

Fascia principale degli asteroidi. Immagine: NASA/Lunar and Planetary Institute

Non si tratta tuttavia di un evento così raro, almeno considerando i tempi astronomici. Infatti, fin dalla sua nascita la Terra è stata sfiorata e talvolta colpita da asteroidi di varia natura.

La maggior parte di questi oggetti proviene dalla così detta “fascia principale” degli asteroidi, una zona tra l’orbita di Marte e Giove popolata da una miriade di corpi di tutte le dimensioni, da granelli di sabbia a montagne gigantesche.

Gli asterodi che hanno già colpito la Terra

Ancora oggi il nostro pianeta porta i segni di alcuni impatti del passato diventati celebri. Ricordiamo l’evento di Tunguska nel 1908, quando un asteroide di dimensioni simili a quelle di 2012 DA 14 rase al suolo centinaia di chilometri quadrati di tundra siberiana, oppure il famoso Meteor Crater in Arizona risalente a circa 50000 anni fa (per saperne di più, leggi anche il post L’energia devastante dell’impatto con un asteroide).
L’eventuale impatto con 2012 DA 14 non comporterebbe comunque danni su scala planetaria, le conseguenze si limiterebbero alla regione colpita, anche se i segnali si avvertirebbero a migliaia di chilometri di distanza.

La Terra non è in pericolo

In realtà, la Terra non corre alcun pericolo. Lo confermano gli scienziati del JPL, di 2012 DA 14 si conosce esattamente la traiettoria: si sa che passerà tra gli oggetti in bassa orbita terrestre, come la Stazione Spaziale Internazionale, e i satelliti geostazionari ben più lontani, come quelli per la meteorologia e le telecomunicazioni.

Traiettoria dell'asteroide 2012 DA14, 15 febbraio 2013.

Traiettoria dell'asteroide 2012 DA14, 15 febbraio 2013. Immagine: Nasa/JPL/Near-Earth-Object-Program

Il corpo celeste sarà monitorato con attenzione dal Goldstone Radar della NASA in California e passerà inizialmente nei cieli dell’emisfero Sud per poi spostarsi rapidamente in quelli dell’emisfero Nord. Purtroppo non sarà possibile vederlo tanto facilmente, sarà brillante a malapena come una stella di ottava magnitudine, poco meno del limite di visibilità di un astro a occhio nudo. Anche con un buon telescopio, “catturare” 2012 DA 14 non sarà un’operazione semplice: attraverserà i nostri cieli piuttosto velocemente, spostandosi in un minuto di circa due volte il diametro della Luna piena. Comunque non dovremo attendere molto per poter assistere a qualcosa di più facilmente visibile e spettacolare. Una volta sfiorati dall’asteroide, le meravigliose dinamiche celesti continueranno a stupirci per tutto il 2013: i nostri cieli ospiteranno infatti ben due comete, che si gli scienziati preannunciano, con la dovuta cautela, molto luminose. La prima, Pan-starrs arriverà in primavera, mentre la seconda, denominata Ison, in novembre.

Articolo di Eleonora Monge

Per saperne di più

Infini.to – Planetario di Torino, Museo dell’Astronomia e dello Spazio – insieme all’Osservatorio Astrofisico organizza per il 15 febbraio una serata dal titolo “Asteroidi, comete e altre straordinarie catastrofi” dedicata al passaggio ravvicinato di 2012 DA 14 e agli altri eventi speciali attesi per il 2013.

Puoi leggere anche

It's a Rocky World

L’energia devastante dell’impatto con un asteroide

Il 14 giugno 2012 un asteroide denominato 2012 LZ1 è transitato vicino alla Terra.

There is 1 comment. Add Yours.

A.Sangi —

Interessante…articolo ben costruito,comprensibile a tutti,
documentato e non noioso…fa venir voglia di altre informazioni per aumentare le conoscenze…

Reply »

Scrivi un commento!